Berruti T., Cronaca di Tortona, a cura di Sergio Pagano, Tortona, 2001, pp. 123-124:

Lochi de lo Episcopato dati per la città a lo Episcopato, ne li qualli il vescovo è patrone, al titulo di conte, in spiritual et temporale, reservato però ala città la suprema intendenza, total iurisditione et Magior Magistrato et alto dominio, quali sono taxati cum il resto dil contado supradicto, et si regula in tuto e per tuto como fa il resto dil deto contado, senza alcuna exeptione, pagando le graveze et regulandosi cum esso como luochi uniti et annexi ad esso, et como membro di essa città sotto uno solo comune, ancor che ogni luoco da per sé habij sua tassa.
Et sono li infra annotati:

Carezano Inferior, capo
Malvino
Carezano Superior Cucuello
Perlleto Bavantore
Pudiliano Bavantorino
Spineto Martignano
Costa Giusellana
l’altra mità di Sarizolla Giuselanella
Santo Andrea Gavazana
Basillica la villa di Santo Alosio
Reparco la Marliana
il Castel del Vescovo Lugagnano
Maioza Bella  
Santa Agata  
 
Sono tuti obligati ala leva dil sale et al pagamento de censsi et bianchi ala città, et a Sua Alteza pagano il giovatico, cioè che ogni homo, da 14 anni sopra, lavorante, paga ala città / uno soldo et denari sei de imperiali lo anno; et pagano per ogni paro de bovi soldi doilo anno.
Qual giovatico la città lo ha venduto et lo goldeno li heredi dil cappitano Nicollò Busseto; li scripti autentici sono ne lo archivio, per me visti, oltre a la mentione che ne fa il statuto in molti luochi, et como al suo capitulo si farà distinta mentione.